domenica 31 marzo 2013

la macchia

quello che in fondo in fondo mi scazza di più è che per una decina di secondi, sdraiato sull'asfalto e guardando la mano diventata un enorme informe artiglio di sangue, mi sono messo a piangere per una decina (scarsa! giuro!) di secondi.
mi sono parzialmente rifatto sopportando la riduzione manuale della frattura - dolore purissimo per qualche minuto - con un prolungato e sommesso mugolio, senza le regolari, a detta delle infermiere, urla bestiali.
ma la macchia resta.

13 commenti:

  1. Ma dai,Cinas, il pianto era più di rabbia che di dolore, perchè certi sciocchi distratti e/o schizzati ti possono rovinare la vita in meno di un secondo o comunque combinarti un bel casino per parecchie settimane(spero di no!.
    Chisseneimporta!
    Olimpia

    RispondiElimina
  2. E che problema c'è nel pianto?

    RispondiElimina
  3. non nel pianto.
    nel pianto pubblico.

    RispondiElimina
  4. Sarebbe stato un peccato se la tua reazione spontanea e senza ritegno fosse stata uno sfogo di rabbia incontrollato e pubblico. Di quello, torto o ragione che si abbia nell'evento, in strada dopo un incidente non si rammarica mai nessuno. E lede la dignità propria e del prossimo, altro che il pianto (che, a mio parere, altro non è che sfogo/fuoriuscita di spavento e dolore)

    RispondiElimina
  5. Tutti i possibili inboccalupo.

    Dis

    RispondiElimina
  6. ti hanno spremuto come un tubetto di dentifricio, qualcosa esce
    non è che hai pianto per impietosire
    come va ora? guarisci presto
    ciao

    RispondiElimina
  7. sono sicura che anche i supereroi piangono, figurarsi le rocce.
    guarisci presto

    RispondiElimina
  8. Non lo diremo a nessuno...giuro!
    Mìgola

    RispondiElimina
  9. ciao cinas, come va la convalescenza?
    stai bravo, mi raccomando

    RispondiElimina
  10. Jean Valjean si è fatto certi pianti, e non mi dire che come personaggio non calzi.

    RispondiElimina
  11. ma in una decina scarsa di secondi quante lacrime puoi aver versato?
    due? una e mezza?
    quello lì non è pianto.

    RispondiElimina
  12. caspita cinas...tu ogni tanto hai l'irresistibile attrazione di farti male (o farti fare) del male!! :)

    RispondiElimina
  13. Maremma!
    Ecco che succede a non passare per un mesetto o due dai blog altrui.
    No, non l'incidente in bici, il fatto di non saperlo.

    Oddio... se penso a cosa non sapevo due anni fa.
    A te è ancora andata bene.
    Era in bici, era il venerdì santo e non lo ha potuto raccontare a nessuno... no niente, sono felice che tu invece puoi ecco.

    Mi spiace per la mano e in bocca al lupo per la fisioterapia.
    :-(

    RispondiElimina