martedì 7 febbraio 2012

UN MINUTO DI SILENZIO, GRAZIE

Insomma, sono giorni rapidi, un venerdì di montagna a sciare nel freddoporco (e menomale che è sci di fondo, quindi faticoso e che ti scongeli dopo un dieci minuti) di una bella gita sabatodomenica nella dolce Francia e di un lunedì di lavoro frenetico.  
E della caldaia rotta.
Il tecnico arriva nel primo pomeriggio, spero. E spero che l’aggiusti. Spero: che a parte la temperatura della casa – intorno a più 5 – vivere senza lavarsi è per me difficile. E quindi mi lavo con l’acqua a un grado ed ecco, ieri mattina mi sono fatto la doccia fredda, molto fredda, e mi sono accorto che mi piaceva di meno di un tempo.

8 commenti:

  1. ma non puoi scaldarla sul fuoco,l'acqua?

    RispondiElimina
  2. maaaa ... se ti fai la doccia tutti i giorni, magari una lavatina da gatto, una leccatina sul minimo indispensabile in attesa di tempi migliori, no?
    sarà che domenica non mi sono neanche tolta il pigiamone ...
    bentrovato, cinas!

    RispondiElimina
  3. hai tutta la mia ammirazione...

    RispondiElimina
  4. no, dico, adesso è diventata una settimana, di silenzio...

    RispondiElimina
  5. per un malinteso senso di solidarietà, anche il mio scaldabagno si è rotto.
    ma io non ho problemi: non mi lavo!

    RispondiElimina