mercoledì 21 marzo 2012

POVERA LA MIA AMICA

Da qualche mese vado spesso a pranzo - e magari anche a sgnaccare un pisolino - a casa di una mia amica che lavora fuori Torino. Lei mi ha affidato generosamente un mazzodi chiavi, io entro alle 1245, mangio, leggo e me ne vado alle 14. Le lascio piccoli doni e ogni tanto andiamo a cena fuori (è grande intenditrice di cibi e vini).

Stamattina mi arriva un sms che recita "non andare oggi a casa, poi ti spiego".
Nessun problema, sono ad un corso. 
Poi mi chiama e si scopre che nel cortile della sua casa hanno sparato ad un avvocato e noto politico locale - ne parlano tutti i giornali - e lei è stata uno dei vicini che lo hanno subito soccorso. Questura, interrogatori etc etc. 

Mi fa impressione vedere il cortile dove passo due tre volte a settimana su tuttoi video della rete.

5 commenti:

  1. ma pensa la coincidenza, che stamattina incontro sulla metro una ragazza, che sta qui a shanghai per qualche mese, e mi dice che è sconvolta perché hanno sparato a un suo amico. Che io l'avevo letta, quella notizia lì dell'attentato sotto casa, un po' distrattamente, ma se c'è qualche cosa che te lo fa vedere più da vicino fa proprio impressione.

    RispondiElimina
  2. mala tempora semper ubique currunt

    RispondiElimina
  3. Ma guarda un po' che combinazioni, che brutte combinazioni.

    RispondiElimina
  4. e povero l'avvocato

    RispondiElimina
  5. ieri sera sono stato a casa sua e praticamente gli hanno sparato sotto i suoi occhi. e sì, mi dispiace anche per l'avvocato.

    RispondiElimina