martedì 3 gennaio 2012

RIFATTA

Insomma, due piani sopra al mio ufficio lavora una mia compagna di liceo.Non è che fossimo grandi amici; io la ricordavo come una tizia slavata, silenziosa/ostile/aggressiva, non particolarmente carina - e si sa che alle scuole superiori questo è importante.
Adesso mi trovo una supebiondona con clamorose tette rifatte (ma senza risparmio, eh.) e labbroni rifatti (questo è giusto, ben lo sappiamo), chiassosa, casinista e simpatica.
Mah, chissà come mi vede.

7 commenti:

  1. buon per lei che non ha risparmiato
    in questo caso, chi più spende meno spande

    RispondiElimina
  2. puoi sempre chiederglielo! :)

    RispondiElimina
  3. io ti vedo qui adesso!
    alè
    (sto cercando di importare pure il mio blog ma boh...)

    RispondiElimina
  4. Grazie per essere passato di là. Ti seguirò sicuramente. E con piacere. :)

    RispondiElimina
  5. chissà che carattere mi viene se mi rifaccio. vespista

    RispondiElimina
  6. yban, mah. sembra un troione.

    elena, sai che lo farò? anche se penso che la risposta non sarà bellissima ...

    mariuh, ma io sono stato vile e non mi sono portato dietro l'archivio.

    drink, grazie a te.

    vespista, ehm. le labbra, dici?

    RispondiElimina
  7. boh non so. c'è differenza su dove una si rifà. cioè tipo se mi rifaccio le labbra divento simpatica, se mi rifaccio le tette divento ironica
    vespista

    RispondiElimina